Orchestra da Camera di Napoli

L’Orchestra da Camera di Napoli nasce con l’intento di dedicare la sua attività culturale allo studio, alla valorizzazione e alla diffusione del fenomeno “‘700 Napoletano”, contribuendo alla “Nuova Rinascenza” partenopea, attraverso il recupero di valori, di uomini e di opere che furono a torto dimenticati.
Nel 1999 l’Orchestra da Camera di Napoli ha eseguito due prime assolute.
Più precisamente  in occasione delle celebrazioni per il bicentenario della Rivoluzione Napoletana del 1799, ha allestito il Dramma I Pittagorici di Giovanni Paisiello, su libretto di Vincenzo Monti, scritto per commemorare le vittime della Rivoluzione Napoletana. Rieseguito poi nel maggio 2000 a Crotone nell’ambito del Festival dell’Aurora, ricevendo numerose recensioni da parte delle maggiori riviste musicali Europee.
Inoltre, in occasione della Festa Europea della Musica, ha eseguito a Parigi, con la partecipazione di Maxence Larrieu, la Sinfonia per due lire organizzate e Orchestra di W. A. Mozart. Opera dalla paternità contestata, tale Sinfonia è oggi più generalmente attribuita a Mozart in seguito al ritrovamento, da parte del Maestro Enzo Amato, delle note della Sinfonia, appartenute a Ferdinando IV.
Ma il grande progetto realizzato dall’Istituto Internazionale “Domenico Scarlatti” con l’Orchestra da Camera di Napoli nel 1999, è stata la prima esecuzione in tempi moderni della Messa Solenne in re maggiore per soli coro e orchestra di Niccolò Jommelli, rieseguita e registrata a Sofia nel 2004.
Partecipa ogni anno come Orchestra principale al Festival Internazionale del ‘700 Musicale napoletano, proponendo ogni volta brani in worldpremiere.
Nel 2007 in occasione delle celebrazioni del 250° Anniversario della morte di Domenico Scarlatti, ha eseguito Le quattro Stagioni del grande genio napoletano della musica.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *