Milano 1911 – Roma 1979

Nino Rota

Nato a Milano nel 1911 da una famiglia di musicisti, Rota studiò dapprima con Orefici e Pizzetti. Poi, ancora bambino, si trasferì a Roma dove completò gli studi presso il Conservatorio di Santa Cecilia nel 1929 con Alfredo Casella.
Intanto, era già diventato un ‘enfant prodige’, sia come compositore che cone direttore d’orchestra. Il suo primo oratorio, L’infanzia di San Giovanni Battista, venne rappresentato a Milano e a Parigi già nel 1923 e la sua commedia lirica Il Principe Porcaro fu composta nel 1926.
Dal 1923 al 1932 Nino Rota visse negli Stati Uniti.
Vinse una borsa di studio al Curtis Institute of Philadelphia dove frequentò i corsi di composizione, tenuti da Rosario Scalero e di orchestra di Fritz Reiner.
Tornato in Ialia, si laurea in Lettere presso  l’Università di Milano.
Nel 1937 iniziò la sua carriera di insegante che lo portò alla presidenza del Conservatorio di Bari, carica che conservò dal 1950 sino alla morte, avvenuta nel 1979.
Dopo le composizioni giovanile, Nino Rota scrisse le seguenti opere: Ariodante (Parma 1942), Torquemada (1943), Il cappello di paglia di Firenze (Palermo 1955), I due timidi (RAI 1950, Londra 1953), La notte di un neurastenico (Premio Italia 1959, La Scala 1960), Lo scoiattolo in gamba (Venezia 1959), Aladino e la lampada magica (Napoli 1968), La visita meravigliosa (Palermo 1970), Napoli milionaria (Spoleto Festival 1977).
Scrisse anche i seguenti balletti: La rappresentazione di Adamo ed Eva (Perugia 1957), La Strada (La Scala 1965), Aci e Galatea (Roma 1971), Le Molière Imaginaire (Parigi e  Bruxels 1976) e Amor di poeta (Bruxels 1978) per Maurice Bejart.
Inoltre, innumerevoli sono i lavori per orchestra eseguiti prima della Seconda Guerra Mondiale e che sono tuttora eseguiti in tutto il mondo.
La sua collaborazione con il cinema risale ai primi anni Quaranta   e comprende i nomi di pressoché tutti i principali registi del tempo, primo fra tutti Federico Fellini, di cui scrisse le colonne sonore di tutti i suoi film a partire dallo Sceicco Bianco del 1952 sino a Prova d’Orchestra del 1979. Fra gli registi ricordiamo anche Renato Castellani, Luchino Visconti, Franco Zeffirelli, Mario Monicelli, Francis Ford Coppola (Oscar per la miglior colonna sonora originale), King Vidor, René Clément, Edward Dmytrik ed Eduardo de Filippo.
Ha inoltre composto le musiche di molti lavori teatrali di Visconti, Zefirelli e de Filippo.
Nel febbraio del 1995, viene fondata la Fondazione Nino Rota presso la Fondazione Cini di Venezia, specializzata nelle opere dei compositori italiani del XX secolo e che conserva anche il lascito Casella.

(dal sito ufficiale: www.ninorota.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *