LORENZO GAETANO ZAVATERI

Lorenzo Gaetano Zavateri nacque l’8 settembre 1690 a Bologna, dove studiò violino con Giuseppe Torelli, al tempo virtuoso di fama internazionale, e composizione con Luca Antonio Predieri. La città era un centro musicale attivo e produttivo, famoso per la qualità dell’insegnamento di canto e di strumenti ad arco e per la vivacità compositiva della Scuola bolognese. In seguito, come usava fra i suoi colleghi italiani all’epoca, Zavateri compì molti viaggi in tutto il continente, esibendosi come violinista nelle principali corti europee (sono documentati anche soggiorni italiani a Ferrara, Livorno e Venezia). Fu ammesso all’illustre circolo dell’Accademia Filarmonica di Bologna nel 1717, ma solo nel 1725 si insediò stabilmente di nuovo nella sua città natale. Qui sarà suo patrono e allievo il Conte Cornelio Pepoli Musotti (1708-1777), senatore bolognese e nobile veneziano, mecenate di letterati e musicisti.

Attorno alla metà degli anni 1720 entrò a far parte anche della prestigiosa orchestra della cappella musicale di San Petronio, nei cui registri Zavateri compare spesso come violinista o violista. Suoi studenti furono diversi strumentisti di estrazione aristocratica, fra cui Francesco Landini. Morì nel 1764 nella stessa Bologna, dove aveva trascorso la maggior parte della sua vita, avendo acquisito col tempo una discreta notorietà artistica.

Le sue opere mostrano i primi esempi di stile galante, tipico carattere del tardo barocco e del primo periodo classico, pur attenendosi con rigore alle convenzioni formali dell’epoca sotto l’influenza delle tradizionali scuole compositive di Antonio Vivaldi e di Georg Friedrich Händel. Di Zavateri fu pubblicata pochissima musica, e in particolare sono giunte a noi solo le edizioni di due cicli di composizioni: l’opus 1 coi Concerti e l’opus 2 coi Divertimenti.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *