Laurence Meikle

Laurence Meikle sta recentemente acquisendo un riconoscimento internazionale sia nel mondo della lirica che nel repertorio concertistico. Nel 2017 ha debuttato in diversi ruoli, principalmente in Italia, in importanti teatri come il San Carlo di Napoli e sotto la guida di illustri direttori come Fabio Luisi e Diego Fasolis. Inizia la sua carriera a soli ventidue anni alla Sydney Opera House, nel ruolo di Masetto nel Don Giovanni di Mozart, di Angelotti in Tosca, e di Colline in La Bohème di Puccini. Prosegue il suo percorso artistico cantando nelle principali compagnie australiane, prima di approfondire i suoi studi alla Royal Academy of Music di Londra. Dopo un breve periodo nel Regno Unito, collaborando con compagnie come l’Opera Holland Park, la Grange Park Opera, e il London Handel Festival, firma un contratto con la Deutsches Nationaltheater und Staatskapelle di Weimar. Il suo repertorio in questo periodo comprende il ruolo principale di Don Giovanni nel Don Giovanni, Colline in La Bohème, Hercules nel Giasone di Cavalli, Gretch e Borov in Fedora di Giordano, Angelotti in Tosca, Der Sprecher in Die Zauberflöte, Martino in L’occasione fa il ladro (per il quale è stato insignito del “UK Opera Rara Bel Canto”), Escamillo in Carmen, Elmiro nell’Otello di Rossini, Astolfo nell’ Orlando Furioso di Vivaldi, Aeneas in Dido e Aeneas, e il ruolo principale nel Saul di Händel. Negli ultimi anni ha collaborato, tra gli altri, con direttori quali Sir Charles Mackerras, Fabio Luisi, Richard Bonynge, Bruno Campanella, Diego Fasolis, Stefano Ranzani, Jane Glover, Renato Palumbo e Richard Hickox. Si è esibito in concerto alla Wigmore Hall, alla Royal Albert Hall e Cadogan Hall di Londra, alla Sydney Opera House e al Mozarteum di Salisburgo, proponendo il repertorio per basso di Handel, Bach, Schubert e Mozart, accompagnato da varie orchestre come la Royal Scottish National Orchestra, la London Handel Players, la Gulbenkian Orquestra, la Staatskapelle Weimar, la Cambridge Philharmonic, l’English Chamber Orchestra e l’English Concert Orchestra. Collaborazioni memorabili includono quelle con Kiri Te Kanawa, Angelika Kirchschlager, Yvonne Kenny, Emma Kirkby, oltre ad un recital per la Regina Elisabetta II. Laurence ha avviato la stagione 2016-17 cantando Grenville in La Traviata al Teatro San Carlo di Napoli, con la regia di Ferzan Öspetek, e Zuniga in Carmen al Teatro delle Muse di Ancona in una nuova produzione con la regia di Francesco Saponaro. Durante l’estate, ha debuttato l’impegnativo ruolo di Belmonte nella Margherita d’Anjou di Meyerbeer sotto la direzione di Fabio Luisi al Festival della Valle d’Itria, ricoprendo nel contempo il ruolo di Astolfo nell’Orlando Furioso di Vivaldi  con I Barocchisti e sotto la direzione di Diego Fasolis. A novembre, Laurence è tornato al Teatro San Carlo di Napoli per cantare il ruolo di Osmin nella leggendaria produzione con la regia di Giorgio Strehler di Die Entführung aus dem Serail e ha tenuto concerti con I Barocchisti e Diego Fasolis. Per la stagione 2017-18, Laurence sarà nuovamente al Teatro San Carlo di Napoli, nei ruoli di Colline in La Bohème, Portye in Lady Macbeth del distretto di Mtsensk di Shostakovich, La Cusinière in L’amour des trois Oranges di Prokofiev, il Faraone nel Mosè in Egitto di Rossini, e Grenville in una nuova produzione di La Traviata, con Nino Machaidze e Leo Nucci. Laurence continua i suoi studi in Italia con il Maestro Antonio Lemmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *