Il CD di Ferruccio Busoni su Radio 3 | Riascolta le tracce!

«Busoni è stato uno dei più grandi compositori che l’Italia abbia mai avuto, una delle figure maggiori della storia musicale universale, uno degli artisti che hanno toccato le vette più alte che lo spirito umano sia stato dato raggiungere. Busoni era un Profeta. Che sia finalmente riconosciuto come tale. Anche nella sua Patria».

Con queste parole Roman Vlad celebrava nel 1966 il centenario della nascita di Ferruccio Busoni, e proprio con queste parole si è aperto il programma Primo Movimento su Rai Radio 3, condotto da Valentina Lo Surdo e Attilio Fortunato alla regia.

Ferruccio Busoni
Abbiamo ascoltato il primo movimento del Concerto per pianoforte e archi KV 80 (1878): Allegro. Del capitolo viennese della carriera busoniana
testimonia proprio questo Concerto, portato a compimento a Vienna il 21 marzo del 1878. Dieci giorni più tardi, Busoni avrebbe compiuto dodici anni.

Riascolta ora la traccia su Concerto Classics su Spotify.

ferruccio-busoni

Il secondo brano trasmesso è l’Andante molto espressivo – Allegretto moderato (Alla marcia) dei Canti popolari Finlandesi, OP. 27. Con questi entriamo in una nuova fase della produzione giovanile di Ferruccio Busoni, quella legata alla prima di una serie di esperienze quale docente di pianoforte presso prestigiose istituzioni di formazione musicale. È del 1889 la pubblicazione a Helsinki dei Canti popolari, elaborati per pianoforte a quattro mani, ristampati nel 1953 e qui proposti nella versione per orchestra d’archi che il compositore triestino Marco Sofianopulo (1952-2014) ha confezionato nel 2006 e dedicato all’Orchestra Busoni diretta da Massimo Belli.

Riascolta ora la traccia su Concerto Classics su Spotify.

 

L’immagine che ritrae Ferruccio Busoni in copertina è stata gentilmente concessa dall’Archivio Fotografico del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” di Trieste. Ringraziamo invece Stefano Bianchi che ha redatto le note del libretto di questo CD.

cd-ferruccio-busoni-150-anniversario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *