Giovanni Battista Martini

Giovanni Battista Martini (Bologna, 1706 –1784) è stata una figura a suo modo unica ed esemplare nella storia della musica: frate francescano, oltre che compositore, fu il più grande erudito e teorico della musica del suo tempo, forse di ogni tempo. Alla sua cella (ingombra di manoscritti, edizioni a stampa e trattati) o alla sua scuola – accolti tutti con benevole saggezza dall’umile francescano – vennero personalmente a consiglio, o chiesero lumi, da ogni parte d’Europa teste coronate, celebri musicisti e umili tirocinanti. Fra di essi, il più celebre resta naturalmente il giovane Mozart.

L’universale stima di cui godeva lo fece spesso eleggere giudice in questioni di dottrina musicale o nei concorsi. Fautore dichiarato della grande scuola polifonica romana, padre Martini dedicò la sua vita nel diffonderne le dottrine e lo stile. Fra le sue opere teoriche, oltre alla monumentale Storia della Musica in 4 volumi, ricorderemo L’esemplare o sia saggio fondamentale pratico di contrappunto. La sua produzione musicale, attualmente in fase di riscoperta, comprende musica sacra (messe, motetti etc.) e strumentale.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *