Enzo Amato

Si è dedicato da giovanissimo alla Composizione scrivendo musiche per Teatro e avendo quindi la possibilità di affrontare un’analisi continua sul materiale dei grandi musicisti del passato prendendo a modello principalmente lavori di Bach, Mozart, Beethoven, Brahms e Wagner.
Tra i suoi maestri Stefano Aruta, Marialuisa Anido, Leo Brouwer, Argenzio Jorio e Franco Donatoni. Ha condotto contemporaneamente studi sul ‘700 musicale napoletano ed insieme ad Alberto Vitolo, ha riportato alla luce innumerevoli capolavori di questa scuola, tanto da far parlare le prime pagine dei giornali di tutto il mondo di un clamoroso plagio mozartiano ai danni del nostro Pasquale Anfossi.
Ha partecipato a numerosi programmi radiofonici e televisivi per la RAI ed altre emittenti. Svolge un’intensa attività artistica in Italia e all’estero esibendosi oltre che nei maggiori teatri napoletani ed italiani nei seguenti luoghi: Centro Pompidou di Parigi, Palazzo dei Congressi di Strasburgo, Palazzo della Cultura di Marsiglia, Circus Royale di Bruxelles e nelle città di New York. Chicago, Bremen, Kaustinen, Sofia, Volos, Ginevra, Dieppe, Rouan, Bischwiller, Basilea, Carcasson.
Autore prolifico, tra le sue opere si ricordano: Tudohr Suite per soprano e orchestra, scritta in occasione del 40° anniversario della promulgazione della Carta dei Diritti dell’Uomo, eseguita in prima esecuzione al Teatro Mercadante di Napoli e premiata a Roma presso la Sala dello Stenditoio del Ministero dei Beni Culturali dalla ONG UNESCO Musique Esperance con il riconoscimento “Musica Strumeno di Pace”. Around the V per orchestra di sintetizzatori e computer eseguita in prima assoluta nell’ambito di “Futuro Remoto” edizione 1990. Mare Nostrum Citreum per Contralto, Launeddas, Tammorra e “Orchestra” di Strumenti Etnici dei Popoli del Mediterraneo (gestita dal Computer). Prima esecuzione effettuata nell’ambito di “Futuro Remoto” 1991. Colors per chitarra, scritta per Aniello Desiderio.
È inoltre Presidente dell’Istituto Internazionale per lo Studio del Settecento Musicale Napoletano, le cui attività sono patrocinate dalla Presidenza del Consiglio Italiana, dal Parlamento Europeo e dalla Commissione Europea. Coordinatore artistico della Festa Europea della Musica per la città di Napoli – patrocini: Presidenza del Consiglio, Ministero della Cultura Francese, Comune di Napoli. Responsabile della commissione tecnica del Premio Pianistico “Città di Napoli” – patrocini: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Campania, Comune di Napoli. Consulente per la Musica del Laboratorio Musicale di Città della Scienza di Napoli. Direttore stabile dell’Orchestra da Camera di Napoli con la quale ha eseguito in world première la Messa Solenne in re maggiore per Soli, Coro e Orchestra ed il Requiem per Soli, Coro e Orchestra di Niccolò Jommelli, e numerose sinfonie e concerti di Cimarosa, Anfossi, Fiorenza, Sacchini, Piccinni, Guglielmi.
Nel campo della didattica e della ricerca ha curato Corsi di Semiotica della Musica (scelta della colonna sonora nella messa in scena) presso l’Università Popolare dello Spettacolo di Napoli diretta da Pippo Baudo e Ernesto Calindri. Ha diretto il Dipartimento Artistico dell’Università Popolare di Caserta (CNUPI). Ha inoltre diretto un corso di aggiornamento, riconosciuto con decreto dal Ministero della Pubblica Istruzione in Didattica Strumentale, dedicato a docenti di Conservatorio e di Scuole Medie Musicali. Ha collaborato con la Facoltà di Informatica dell’Università di Salerno in merito alla ricerca sulla Insonorizzazione degli ambienti con le Onde in Controfase.
Saggi: Scelta della colonna sonora della messa in scena, Contributi per un’analisi semiotica della musica, La musica del Sole, Viaggio nell’insuperabile Settecento Musicale Napoletano.
Composizioni: Mare Nostrum Citreum, Around the V, Songs for Guitar, Tudhor Suite, Mater Mediterranea.

Discografia: “Sinfonie Napolitane “, ANTES, Milano 1998. “Insieme”, Alta Sintonia, Brescia 2004, Mater Mediterranea Alta Sintonia, Brescia 2007, “Sinfonie Napolitane”, Concerto, Milano 2008.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *