Danilo Stagni

Ha studiato al Conservatorio G. Verdi di Milano e si è diplomato sotto la guida del M° Elvio Modonesi (I° corno Orchestra sinfonica RAI).

A soli 16 anni viene scelto da Claudio Abbado come primo corno solista nell’orchestra del Teatro alla Scala di Milano, ruolo che ricopre tutt’ora.

Negli anni 1979-80, sempre con Abbado, vince il posto di primo corno nella European Community Young Orchestra, periodo in cui viene premiato anche in vari concorsi internazionali come il G. B. Viotti (1978), il F. Verganti di Stresa e il concorso internazionale di fiati di Ancona (1979) oltre a vari concorsi e rassegne nazionali.

Dal 1981 in poi affronta il repertorio lirico sinfonico con alcuni fra i più prestigiosi direttori d’orchestra come: C. Kleiber, L. Bernstein, S. Osawa, G. Solti, W. Sawallisch, C.M. Giulini, V. Gergiev.

Con R. Muti nel ciclo Wagneriano del 1997 ricopre il ruolo di “Corno sul Palco” nel celebre Sigfrido.

Tra le più significative incisioni con R. Muti: la sinfonia per 4 fiati solisti K297 di W. Mozart, l’integrale del Baiser de la fee di Stravinsky, la Serenata n° 1 di Bramhs per Sony Classical.

Con C. M. Giulini le nove sinfonie di Beethoven e con R. Chailly due cantate inedite di G. Rossini come corno obbligato.

Nella stagione dei concerti 2002 della Filarmonica della Scala esegue e registra in video per Mediaset la serenata Op. 30 per corno, tenore e archi di B. Britten con J. Tate, e con R. Muti il corno obbligato nella messa in si min di J. S. Bach.

Ha eseguito in più occasioni i concerti per corno di Mozart alla Scala con l’orchestra dell’Accademia, di cui è docente dal 2000.

Con l’orchestra della Radio della Svizzera Italiana ha registrato i concerti per corno di J. Haydn.

Ha tenuto Masterclasses in Italia e Giappone (Università di Ashikaga e Sapporo Summer Festival).

Dal 2008 collabora come I° corno ospite con la Berlin Staatskapelle Orchestra con la quale ha eseguito l’integrale delle sinfonie di Brukner ed il ciclo Wagneriano sotto la direzione di D.Baremboin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *