Bernardo Storace

(?1637 ca. – ?1707 ca.)

L’unico dato conosciuto del compositore lo ricaviamo dall’intestazione del solo lavoro giunto sino a noi: la “Selva di varie compositioni d’intavolatura per cimbalo et organo”, pubblicata nel 1664 a Venezia. Sappiamo infatti che l’opera è di “Bernardo Storace vice Maestro di Cappella dell’Illustrissimo Senato della nobile ed esemplare città di Messina”. La raccolta consiste in una serie di variazioni su tutti i temi che, al tempo, erano utilizzati per questo genere musicale. Lo stile di Storace, secondo la critica, rappresenta il passaggio fra Frescobaldi e Pasquini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *