Bernardo Pasquini

Organista presso S. Maria Maggiore e S. Maria in Aracoeli di Roma, nonché in seguito anche al servizio della famiglia Borghese, Pasquini fu musicista di grande fama: molti musicisti stranieri (Muffat, fra tutti) venivano a Roma per sentirlo suonare e studiare con lui. Ci lasciò un ampio corpus di composizioni che spaziano in vari ambiti: da quello operistico, a quello vocale sacro (Oratori) e profano. Ci restano quattro volumi delle sue importanti composizioni per tastiera (organo e cembalo) che segnano il passaggio allo stile settecentesco. Famosissime la Toccata per Organo con lo scherzo del cucù e le variazioni sopra l’aria della Follia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *