Arcangelo Corelli

Arcangelo Corelli (Fusignano, 1653 – Roma, 1713). Rampollo di una nobile famiglia romagnola e destinato in quanto tale a corsi di studi non strettamente musicali, quindi dilettante ‘eccelso’ come Albinoni o Marcello, fu fra i massimi esponenti europei del Barocco, portando alla suprema espressione e perfezione sia il concerto grosso, che, nelle sonate, lo stile violinistico.

Il corpus delle sue opere ufficiali (escludendo cioè altre cosiddette extra opus di certa attribuzione), tutte strumentali, è singolarmente ridotto, considerata la prolificità dei compositori contemporanei e, soprattutto, il fatto che non comprenda nessuna Opera: in 40 anni pubblicò infatti solo quattro raccolte: 12 sonate a tre (12 Sonate da chiesa op.1, 12 sonate da camera op. 2, 12 Sonate da chiesa op.3, 12 sonate da camera op. 4), 12 sonate per violino op. 5, fra le quali la famosissime Variazioni sul tema della Follia (nelle sonate da chiesa, la parte del basso è affidata all’organo, o al violoncello o all’arciliuto, mentre in quella da camera al violoncello o al clavicembalo), e i 12 Concerti Grossi dell’op.6 (fra i quali il celeberrimo Concerto grosso fatto per la notte di Natale). Indice, sicuramente, di una grande consapevolezza artistica del compositore, così teso al perfezionamento formale delle sue opere, da decidere di pubblicare con il suo nome solo quelle di cui fosse pienamente soddisfatto.

Al di là dell’aneddotica che ben presto si creò attorno alla sua figura di compositore celebrato in tutta Europa (un cronista musicale suo contemporaneo lo salutò come “Il nuovo Orfeo dei nostri giorni”), la sua formazione musicale iniziò a Bologna e si concluse a Roma, città dove trascorse la maggior parte della sua vita in qualità di maestro di musica a servizio di Cardinali, e dove è tuttora sepolto al Pantheon. Fu anche un celebre direttore d’orchestra, ammirato dallo stesso Scarlatti per la ricerca costante di esecuzioni impeccabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *