Andrea Porta

Andrea Porta si è diplomato a pieni voti al Conservatorio Nicolò Paganini di Genova nel 1998 sotto la guida del soprano Carmen Vilalta. Ha partecipato poi a numerose master class tenute da artisti quali Regina Resnik, Raina Kabaivanska, Magda Olivero, Rolando Panerai, Enzo Dara, indirizzandosi verso il repertorio brillante. Successivamente ha approfondito lo studio con il soprano Daniela Aimale e attualmente si perfeziona con il maestro Sherman Lowe. Ha vinto numerosi concorsi internazionali e borse di studio, tra cui il primo premio Di Stefano (Trapani 1999), il Concorso Zandonai (Riva del Garda 2001), il premio speciale Nicola Rossi Lemeni al Concorso Masini (Reggio Emilia 2001) e l’attestato di merito come finalista al Concorso Belvedere (Vienna 2001).

Ha debuttato nel 1999 come Don Magnifico in “Cenerentola” con l’As.Li.Co., seguito da Mustafà in “L’italiana in Algeri” a Trapani e dai debutti nei principali Teatri italiani, come l’Opera di Roma (Dulcamara in “L’elisir d’amore”, “Gina” di Cilea), Il Comunale di Bologna e Treviso (Don Magnifico in “Cenerentola”), il Carlo Felice di Genova (Trombonok in “Il viaggio a Reims”, Don Alfonso in “Così fan tutte”), Savona (Dulcamara in “Elisir d’amore”), Bergamo (“I pazzi per progetto” e “Gianni Schicchi”), Cosenza (“Gina” di Cilea), la Fondazione Toscanini (“La traviata”) e il Festival dei Due Mondi di Spoleto (“La Medium”). Ha partecipato alla riapertura del Teatro La Fenice come Barone in “Traviata”, ripresa poi a Tokio. Ha debuttato al Rossini Festival di Pesaro in “La gazzetta”, ed a Bruxelles in “Il viaggio a Reims”.

Ha recentemente debuttato il ruolo di Masetto “Don Giovanni” allo Staatstheater di Stoccarda ed è ora impegnato al Comunale di Bologna nel dittico “Scene della vita di Mozart” di Albert Lortzing e “Un segreto d’importanza” di Sergio Rendine. E’ stato Figaro in “Il barbiere di Siviglia” di Paisiello al Teatro degli Arcimboldi a Milano.

Ha debuttato nel ruolo di Figaro in “Nozze di Figaro”al Teatro Regio di Torino nel novembre 2006.

Ha collaborato con i registi Irina Brook, Robert Carsen, Enzo Dara, Dario Fo, Michael Hampe, Franco Zeffirelli, e direttori d’orchestra quali Placido Domingo, Nicola Luisotti, Lorin Maazel, Donato Renzetti, Isaac Karabtchevsky.

Tra i suoi prossimi impegni: “Werther” a Napoli, e la Bête in “La belle et la Bête” a Valencia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *