Alessandro Battiato

Nato a Messina, ha iniziato a studiare canto con Francesco Auditore e, in seguito, si è perfezionato con Antonio Bevacqua.
Vincitore di numerosi concorsi, ha debuttato nel 1996 in Pagliacci di R. Leoncavallo. L’anno successivo, ha cantato nel Don Pasquale al Teatro Vittorio Emanuele di Messina e nel Campanello dello Speziale per lo Sperimentale del Teatro Massimo di Palermo. Nel 1998, ha partecipato alle produzioni di Don Pasquale al Teatro Regio di Torino, Livietta e Tracollo e Gazza ladra al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, Bohème nei teatri del circuito toscano, Gianni Schicchi per la Fondazione W. Walton e per i circuiti toscani, L'italiana in Algeri al Teatro Rossini di Lugo di Romagna.
Nel 1999 ha cantato a Napoli nuovamente in Livietta e Tracollo, e a Palermo per lo sperimentale del Teatro Massimo nella Finta Parigina. L’anno successivo ha collaborato con importanti teatri italiani: il Teatro Regio di Torino (Rigoletto), il Teatro Massimo di Palermo (L'italiana in Algeri di Rossini), il Teatro Donizetti di Bergamo (Pazzi per progetto e Gianni Schicchi) e i teatri del circuito lombardo (Bohème).
Nel 2001 ha cantato al Teatro Vittorio Emanuele di Messina nel Don Giovanni, al Teatro Massimo di Palermo in Cenerentola (nel ruolo di Dandini) e nel Davide Re di Vitalini; a Stoccarda in Pazzi per progetto di Donizetti nel circuito toscano e lombardo, nella Fanciulla del West di Puccini e nelle Maschere di Mascagni. Infine, è stato impegnato a Roma nel Don Giovanni (Masetto) con Renato Bruson per la Rai.
Ha lavorato con numerosi registi e direttori: Enzo Dara, Lindsay Kemp, De Bosio, Scaparro, Savary, Carminati, Ferro, Mercurio, Severini e Aprea.
Ha inciso per le etichette Kiccomusic e Bongiovanni e ha realizzato un Dvd con Medusa.

Nell’ottobre del 2002, ha intepretato Figaro nel Barbiere di Siviglia di Rossini al New National Theatre di Tokyo, riscuotendo i consensi di pubblico e critica.
Recentemente, ha ottenuto un grande successo nel ruolo del Conte Robinson nel Matrimonio Segreto di Cimarosa al Teatro Vittorio Emanule di Messina, al fianco di Enzo Dara.
Lo scorso maggio è tornato al New National Theater di Tokyo per Schaunard nella Bohème.
Ha interpretato il ruolo di Biscroma Strappaviscere nelle Convenienze e inconvenienze teatrali di Donizetti a Bergamo, il ruolo di Silvano in Un ballo in maschera di Verdi al Teatro delle Muse di Ancona e, successivamente, nello stesso teatro ha debuttato nel ruolo del Sagrestano nella Tosca di Puccini.
Ha preso parte alla produzione di Carmen di Bizet al Teatro Massimo di Palermo e di Rigoletto di Verdi per la Fondazione Toscanini al Teatro Alighieri di Ravenna e al Teatro Municipale di Piacenza; è poi tornato al Teatro Massimo di Palermo come Robert nei Vespri siciliani di Verdi.
All'Arena di Verona ha debuttato in Madama Butterfly di Puccini (nel ruolo di Yamadori); inoltre, ha vestito i panni di Gianni Schicchi nell’omonima opera di Puccini al Festival di Pergine.
Ha cantato il ruolo di Taddeo nell’Italiana in Algeri di Rossini ed è stato Silvio nei Pagliacci di Leoncavallo al Teatro Coccia di Novara. Ha interpretato il ruolo di Ping nella Turandot di Puccini a Seoul e il ruolo di Bello nella Fanciulla del West di Puccini a Palma de Mallorca.
Tra i suoi prossimi impegni: Moralès in Carmen di Bizet al Teatro Lirico di Cagliari; Marullo in Rigoletto al Teatro Vittorio Emanuele di Messina; Yamadori nella Madama Butterfly al Teatro Carlo Felice di Genova; Belcore nell' Elisir d’amore al Teatro Coccia di Novara; Schaunard nella Bohème al Teatro Verdi di Trieste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *